La Storia 

La Villa detta « La Favorita », che risale agli anni 1613-1624, ma potrebbe essere fatta ancora rientrare nell'ambito del Manierismo, se da una parte - a causa delle quattro torri angolari - si rivela non ancora perfettamente libera dalla morfologia castellana, dall'altra è ormai indipendente dall'influenza di Giulio Romano. Essa si propone dunque, in terra mantovana, quale ulteriore modello, seppur rimasto isolato ed irripetuto: probabilmente proprio a causa della sua destinazione particolare, poi di fatto mancata, di sede ducale, quasi una reggia. A tale destinazione è pur certamente legata l'insolita vicinanza alla capitale, posta com'è poco a settentrione dei Laghi Superiore e di Mezzo; infatti « ...sembra che Ferdinando [Gonzaga]intendesse fare del nuovo palazzo l'ordinaria residenza ducale, che, per una determinazione in ciò senza precedenti e poi non attuata, sarebbe uscita quindi fuori della città. L'aspirazione barocca a lasciare in disparte l'ambiente urbano si annunziava in quell'idea mantovana che, nelle proporzioni sue proprie, precorreva di decenni il regale avvenimento francese della erezione di Versailles » (Marani), e quindi ancor più gli altri italiani (Caserta).

Il suo autore fu Nicolo Sebregondi.

Call us

+39 3661118606

Find us

Mantova ( Italy)

  • Facebook Long Shadow

©2014 Villa La Favorita

ADP_7460.jpg